dcsimg

Possono essere le più svariate le fonti di ispirazione per una canzone: momenti particolari della propria vita o di persone vicine, eventi contemporanei o passati, sentimenti buoni e meno buoni e… libri. Sì, non sono pochi i brani che rimandano al mondo della letteratura – narrativa o poesia – e qualche esempio lo si ritrova anche nel panorama di casa nostra.

 

OASIS, DON’T LOOK BACK IN ANGER
Basta una negazione per cambiare una storia: quella cui si ispirarono gli Oasis dei tempi d’oro era Look Back In Anger di John Osborne, un testo teatrale del 1956 che parlava della nuova generazione di angry young man, i giovani arrabbiati dell’Inghilterra postbellica.

 

FABRIZIO DE ANDRÈ, UN CHIMICO
L’intero album Non al denaro non all’amore né al cielo di Fabrizio De André si rifà a Antologia di Spoon River di Edgar Lee Masters, tradotto in italiano da Fernanda Pivano. Da grande amante della letteratura, De André per La buona novella andò invece a prendere ispirazione per La buona novella direttamente dai Vangeli apocrifi.

 

BRUCE SPRINGSTEEN, THE GHOST OF TOM JOAD
Rilettura in chiave moderna di Furore, romanzo di John Steinbeck pietra miliare della letteratura nordamericana, ambientato durante la grande crisi del 1929. La canzone è scritta anche come omaggio al cantautore americano Woody Guthrie.

 

EDOARDO BENNATO, IL GATTO E LA VOLPE
L’album Burattino senza fili del cantautore napoletano è ispirato a Pinocchio di Carlo Collodi. Bennato tornerà ad ispirarsi al mondo delle fiabe anche per Sono solo canzonette, questa volta guardando a Peter Pan e per L’iIsola che non c’è.

 

METALLICA, FOR WHOM THE BELL TOLLS
In questo caso si parla proprio di riproposizione pari pari: i Metallica con questo loro pezzo omaggiano Ernest Hemingway e il suo Per chi suona la campana.

 

KATE BUSH, WUTHERING HEIGHTS
Forse è il singolo più famoso di Kate Bush, e quello più letterario di sempre: la trasposizione in musica di Cime tempestose di Emily Bronte, con l’amore impossibile tra Catherine e Heathcliff. It’s me, I’m Cathy, I’ve come home, I’m so cold. Che passione.

 

LED ZEPPELIN, RAMBLE ON
Qui c’è lo zampino delle passioni di Jimmy Page: il riferimento è a Il signore degli anelli di J.R.R.Tolkien, nello specifico il viaggio di Sam e Frodo riletto però in chiave amorosa. Infatti i due non hanno come meta il regno di Mordor, ma una donna.

 

Photo by Natalie Rhea Riggs on Unsplash

0 Comments

Leave a Comment